Una ferita mi attraversa il corpo

 

una ferita mi attraversa il corpo,
una spada lacera le stanze in cui abito,
d’ossa e di sangue.
arriva da lontano, dalle memorie dei giochi
e delle fiabe, ha percorso strade d’innocenza
per arrivare fino a qui, ora,
un bisturi impazzito che va oltre la carne,
in altre stanze più segrete

***

qui non ci sono fiumi
e vorrei poter dire
che il fiume scorre lento

lenta è la vita le parole
lento il respiro quando da un dito
nascono segni arcani

sul vetro sporco.
lenta è la vita
che è corsa tutta via

nei dolorosi click
d’ogni giorno

***

dovrei  svegliarmi, invece dormo ancora
mentre la primavera ha fatto il nido nell’autunno.
potrei stare qui, obbedire al bisogno,
tenere chiusa la finestra,
con un battito di ciglia salutare il giorno
e continuare il sonno che mi dà riposo
ed è così vicino – basta star qui, come
una foglia sul selciato –  così vicino
a tutte le anteprime di morte che ho vissuto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...