Gotan

Mirko Barone

Quella donna assomigliava alla parola mai,
dalla sua nuca saliva un incanto particolare,
una specie d’oblio dove conservare gli occhi,
quella donna si piazzava nel mio fianco sinistro.

Attenzione attenzione gridavo attenzione
ma lei m’invadeva come l’amore, come la notte,
gli ultimi segnali che feci per l’autunno
si addormentarono tranquilli sotto l’ondeggiare delle sue mani.

Dentro di me scoppiarono rumori secchi,
a pezzi cadevano la furia, la tristezza,
pioveva dolcemente la signora,
sulle mie ossa in piedi nella solitudine.

Quando se ne andò io tremavo come un condannato,
mi uccisi con un coltello brusco
ora passerò tutta la morte disteso con il suo nome,
che muoverà la mia bocca per ultima volta.

Juan Gelman

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...