Swimming pool

Michael Shapcott

La mezzaluce
sfera soffiata di perla.
Il volgersi degli archi
nella sera.

E tu, mio giorno,
chiazza di sangue animale.

Il buio affonda reti.
Anch’io getto scandagli
urto allo stesso vetro.
Tenta più calmi ormeggi
la memoria divisa
dal suo ramo.

E tu, mio giorno,
tronco radice foglia.
Giro di boa
che doppio
lasciandomi dietro
un tempo
tra scatti e silenzio.

Lo swimming pool si accende
rettangolo azzurro
sul campo che fumiga inverno.

E tu, mio giorno,
aperto melograno
rappresa verginità
sui vetri delle serre.

Non dà eco la stanza.
« Di qua. Venga di qua ».

E tu, mio giorno,
alzata città fino agli astri.

Non dà eco la stanza.
« Il babbo è come il tempo.
Ha scatti ».

E tu, mio giorno,
tacita radura.

« È odore tra legna
e limoni.
A volte pare acqua ».

E tu, mio giorno,
indistinto tramite
barca viandante
uccello migratorio
inquieta giuntura
che cede.

«Il babbo è come l’aria,
il tempo ».

E tu, mio giorno,
fiamma di scaglie spina
acuta trafittura.

Roberto Coppini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...