La disperazione di Penelope

Sol Halabi

 

Non è che non lo riconobbe alla luce del focolare;
non erano
gli stracci da mendicante, il travestimento – no;
segni evidenti:
la cicatrice sul ginocchio, il vigore, l’astuzia nello
sguardo. Spaventata,
la schiena appoggiata alla parete, cercava una scusa,
un rinvio, ancora un po’ di tempo, per non rispondere,
per non tradirsi. Per lui, dunque, aveva speso vent’anni,
vent’anni di attesa e di sogni, per questo miserabile
lordo di sangue e dalla barba bianca? Si accasciò muta
su una sedia,
guardò lentamente i pretendenti uccisi al suolo, come
se guardasse
morti i suoi stessi desideri. E “Benvenuto” disse,
sentendo estranea, lontana la propria voce. Nell’angolo
il suo telaio
proiettava ombre di sbarre sul soffitto; e tutti gli uccelli
che aveva tessuto
con fili vermigli tra il fogliame verde, a un tratto,
in quella notte del ritorno, diventarono grigi e neri
e volarono bassi sul cielo piatto della sua ultima pazienza.
Jannis Ritsos

Annunci

4 thoughts on “La disperazione di Penelope

  1. Daniele Leone ha detto:

    Non so se vi siete mai chiesti come sia possibile che una moglie come Penelope possa non riconoscere il marito. Io me lo sono chiesto. Ed ho iniziato a tessere una trama.
    https://www.facebook.com/pages/Nessuno/355294697882691

  2. Blumy ha detto:

    vent’anni di viaggi, avventure e storie con ninfe e dee … questa poesia , oltre ad essere davvero bellissima, guarda Penelope come davvero sarebbe potuta essere: stanca, delusa, disperata.

  3. fadnaive ha detto:

    Per colui di cui vale la pena vent’anni non sono che polvere..
    per un sorriso vero si possono aspettare anche secoli..
    bramando quegli occhi leggeri..
    indicando il proprio scalpitio nella testa..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...