Svanire

Elvira Amrhein

Poi larghe strade di stelle lanciate
e l’aria stupefatta di futuro;
rotola sul nero velluto il puro
raggio d’amarezza, labbra serrate

inseguiranno doni da infiammate
tese lontananze – tuo questo muro,
anche hai contato la cenere, e scuro
morde l’uncino del colombo: amate –

oh numero d’ali infinito – tempie
risorgenti da vertigini nimbo
alzato in fermo perfetto splendore

lampada sopra il ferro d’ombra limbo
erto per sapienza e nevi, voi riempie
solo di misure di luce il cuore.

Roberto Rossi Precerutti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...