Amicizia

Noi non ci conosciamo. Penso ai giorni
che, perduti nel tempo, c’incontrammo,
alla nostra incresciosa intimità.
Ci siamo sempre lasciati
senza salutarci,
con pentimenti e scuse da lontano.
Ci siam riaspettati al passo,
bestie caure,
cacciatori affinati,
a sostenere faticosamente
la nostra parte di estranei.
Ritrosie disperanti,
pause vertiginose e insormontabili,
dicevan, nelle nostre confidenze,
il contatto evitato e il vano incanto.
Qualcosa ci è sempre rimasto,
amaro vanto,
di non aver ceduto ai nostri abbandoni,
qualcosa ci è sempre mancato.

Vincernzo Cardarelli

Annunci

One thought on “Amicizia

  1. allorizzonte ha detto:

    Preferirei tu attendessi di sentire il portone che sbatte, prima di alzarti.
    E’ meglio che io mi riduca ad un fracasso, per quanto attutito dal numero dei piani, per quanto pesante come l’antico legno dell’uscio.
    Un fracasso è semplice, una traccia ne chiama altre e non possiamo permetterci di immaginare noi lì fuori, insieme a tutti gli altri, insieme ai gesti, agli sguardi, agli strepiti.
    L’amore è fragile, furtivo. E ama i colpi ad effetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...