Avrei da togliermi di dosso le scortesie

Jarek Kubicki

avrei da togliermi di dosso le scortesie
i vituperi degli anni avrei
da sbottonarli lungo la dorsale
restare a ossa nude
e allora tu
vedresti in esse
come il colore della vite o il sorgo rosso
non fanno in tempo a maturare che
sono già diventate impalcature

così potrei scoprirmi sagome d’aria
al posto dei polmoni
e dove c’era il cuore un foro d’ombra
un che di nebbia ancora ticchettante ma
solo per poco
e nella nudità perversa di parole
mai pronunciate – quale avarizia amara! –
mi sottraesti l’ultimo vestito
tessuto a fili di malinconia

ora che mi nascondo consapevole
nella cassetta delle cose perse della
corrispondenza mai spedita
che percorro coi gatti il cornicione
oltre le tegole
invisibile per assenza di nome
– ché non si esiste se nessuno chiama
coi nomignoli della complicità che si fa amore
anche minuscolo
poco più d’un silenzio –

e si rimane ad aspettare un cenno
leggero come un fiato.

Cristina Bove

Annunci

One thought on “Avrei da togliermi di dosso le scortesie

  1. api ha detto:

    agrodolce Cristina…bella!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...