Ida Vallerugo

J. Claude Dresse

Quieto dormitorio accanto al nulla.

Un luogo, il mondo

servono anche per uscirne.

Ma tu, morta, mi costringi

a continuare a dissodare l’inferno

con una zappa di vetro

ed una tromba barocca

e tuttavia credere, credere

anche, ancora, in quella cosa

seppellita che si chiama poesia.

Ida Vallerugo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...