Stavi seduto

Jia Lu
Stavi seduto e c’era un paesaggio agreste
nei tuoi occhi: le nuvole che promettevano pioggia,
i pruni irrequieti per l’erosione delle dune,
un mare agitato, capace di tutti i naufragi.
Il tuo silenzio fece sussultare improvvisamente la casa-
era la forza del vento contro il fianco della nave; un
miraggio fatale di tempesta; e la paura della tragedia;
la minaccia sorda di un tuono che riscattasse l’ira
degli dei contro il mondo. Quando ti sei alzato,
 hai detto qualcosa in fretta che mi ha ferito
a morte come la lama di un pugnale appena
comperato. (Se avesse tuonato, avrebbe potuto
                                          /      essere un lampo
a frantumare la falesia nello specchio dei miei occhi.)
Oggi, però, ormai non so più che parole furono quelle-
di un temporale così si ricordano soprattutto i relitti
che le onde sparpagliano all’alba sulle spiagge.
Maria do Rosário Pedreira
Annunci

2 thoughts on “Stavi seduto

  1. Enrico Spelta ha detto:

    Il link verso http://www.settemuse.it punta ad una pagina inesistente.
    Il link corretto potrebbe essere:
    http://www.settemuse.it/arte_index.htm
    grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...