Presepe

Jephan de Villiers

Nessuno oltre i cespugli dello stupore,
oltre la forma ironica del guscio.
E piú nesssuno arriva a portare notizie
degli oracoli. Sulla riva muschiata degli stagni
lungo i viali di ghiaia
dai monti dolci come seni innevati
tutto il presepe marcia sul posto,
le valige vuote, senz’ombra, senza sguardo,
sotto la trama delle stelle appese al soffitto di carta.
Né sorride per noi bianca la luna.

Lucio Mariani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...