Casa sua

maratr

Casa sua – chissà, è ancora come prima una ferita
nello spazio dell’oscurità? La sua sedia – giaciglio
per terra? Cumulo di fogli –
libri e quaderni?  Fiori
li ricordo come li vedessi
sospirare ai davanzali delle finestre mentre il sole
toglieva l’ultima sua camicia.

Adonis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...