Ricorda

Ricorda la sorella piccola andata in ospedale un’ambulanza davanti alla porta la culla vuota
Rimanere lungo disteso non muoversi aspettare aspettare ancora un solo gesto poteva spezzare
il blu celeste e porcellana
Non aveva capito non lo comprende ancora
“Lei si è fatta assente sotto la pietra nuda del piccolo cimitero”
Nel cortile le grida di bambino erano ad asciugare su lenzuola troppo bianche
Il sogno continua e tira il braccio indolenzito
Vorrebbe appoggiare la testa sul ciglio del cammino non portare più la sua voce
come nel deserto vorrebbe addormentarsi
Di un sonno pesante
Vorrebbe così tanto le cose che non hanno nome
Così tanto le cose vietate alle parole ingenue
Vorrebbe rinascere che sia lavato quel suo corpo far rotolare la pietra
Alzare il braccio prima di svanire
trattenere la voce
Ma lo sforzo è troppo grande e l’immensa fatica vortica sul cielo vuoto

Benoît Conort

[traduzione di Mario Benedetti]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...