Il bambino nella bottiglia

Louis  Markoya

Il bambino chiuso dentro la bottiglia
dice ch’è un messaggio portato dal mare.
Naiadi e ippocampi giocano attorno a lui
e il bambino preme le mani contro il vetro
e boccheggia con la lingua muta dei pesci.

Da dove viene? E’ talmente piccolo
che starebbe dentro una conchiglia
e ha capelli color alga.

Forse non è che un gioco di luci e ombre.
Il suo richiamo si mescola al canto del mare.

Annunci

5 thoughts on “Il bambino nella bottiglia

  1. nicole ha detto:

    Molto bello il blog… pero’ aspetto nuovi post, e’ da troppo tempo che non ci sono aggiornamenti. Vabbe’, intanto mi sono iscritto ai feed RSS, continuo a seguirvi!

  2. alessio ha detto:

    Ho semplicemente aggiunto il tuo feed all’RSS Reader… continuo a seguirvi, Grazie!

  3. marinaraccanelli ha detto:

    surrealtà nonchalante…o nonchalance surreale:-)
    per me la nonchalance è un livello superiore che si può permettere chi è “più avanti”

  4. Blumy ha detto:

    si, Marina, quando non c’è il nome dell’autore il testo è mio; nonchalance o surrealtà? 😉

  5. marinaraccanelli ha detto:

    forte! è tua, Blumy? mi piace proprio, questa suggestiva atmosfera di nonchalance…ovvio poi che il bambino mi commuove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...