Io sono

 

Edmund Tesk

In uno specchio io nascondo
le mie mani la mia ombra
il suono dei miei passi
è uno specchio antico
uno specchio eterno
acqua che scorre stagno
fiume oceano e terra

sono un momento eterno
e sono soffio, vento
che s’innalza oltre gli specchi
dove canta l’allodola
e il flauto d’un dio
veste d’azzurro i campi.

sono cicala stordita
dal peso della neve
e sono miele amaro
sono il giorno spalancato
sulle radure
e sono porta di vento
che si chiude.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...