Mark Rothko

 

 

 

Mi arriva da lontano
la tua pena di ebreo, la fatica di vivere
e quel sangue che da sempre premeva;
forse volevi dirne il tumulto.
Non so, non capisco la geometria dolorosa
del cremisi, del nero.
Ma la morte, il pennello che giace per terra
e macchia il pavimento del tuo sangue
e, come te, non respira più,
questo ha un linguaggio che conosco.

Annunci

2 thoughts on “Mark Rothko

  1. Blumy ha detto:

    era la tua specialità e la tua passione, Marina, commentare, sia pure in prosa, e in maniera eccellente, le opere d’arte.

  2. marinaraccanelli ha detto:

    mi piace questo linguaggio, mi piacciono questi colori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...