Così reale da sembrare vero (o viceversa)

Cristina Bove

 

Non calcolavo gli anni,  i mesi,
al massimo giornate ora per ora
e mi pareva prodigioso esistere

nel non avere tempo ho avuto il tempo
d’essere ancora donna
d’avere ancora una sembianza, e un cuore
che si faceva i fatti suoi ma poi
mi perdonava un battito di troppo.

_della paura di morire sarei morta_
se non avessi accolto quella mano
se non mi fosse stata porta

adesso dico alla me stessa in bianco
sulle scene di minimi riquadri
repliche così brevi
da sembrare faville
_sei la donna dell’attimo mancante_
sei la figura priva di sostanza
ma forse qualche gesto e una risata
_secondo la speranza_
sarà memoria scritta nella mente
di

 

Cristina Bove

Annunci

10 thoughts on “Così reale da sembrare vero (o viceversa)

  1. poetella ha detto:

    questi versi di Cristina sono davvero splendidi.
    Li avevo già letti e rileggerli…è bello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...