Requiem per Guido

 

 

la terra è la tua coperta buona,

ora che il fiato

s’è chiuso dentro una conchiglia

e lo sguardo ha altri cieli,

altri azzurri,

sotto le palpebre chiuse.

tu dormi il sonno della pace

e io – noi – ti domandiamo

tutti i giorni

se l’aria che respiri adesso

è rarefatta

e se l’otre del dolore s’è svuotato,

infine.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...