Nell’agenda del 2010

 

 

 
che nuove lettere racchiude stasera
la parentesi tonda della luna?
che discorso nasconde,
con il punto di stella,
che io non comprendo?

sta lì, oltre gli sfilacci  rosa
del cielo sulle case,
muta e misteriosa e,
sospesa in mezzo alle incertezze,
balbetto le mie tante ferite,

piccola amazzone che, come
tutte le cose, dal suo stesso racconto
viene cancellata.

*


Sono in lutto per tutte le morti dell’universo,
per la farfalla che cade come una foglia
e porta sulle sue ali misteri dell’aria e rune.

Sono in lutto per la bambina che non vide
mai i miei occhi, e scalpitò via
senza saperlo.

Piango  le case senza tetto e i letti vuoti,
la terra spalancata e il mare
gonfio di sirene addormentate

E  sulle mie piccole spalle
piango me stessa, io
che non voglio andare via.

*

Se credevo di camminare
su una mano morbida e stellata,

se credevo eterno il fiato della madre
e le gambe che camminano
guidate dal sorriso

se pensavo che le malattie del corpo
mi avrebbero abbandonata
se non immaginavo la solitudine
un pozzo colmo di ciottoli pesanti…

se pensavo azzurro e cielo
e sempre scivolavo in grigio e fango

Annunci

6 thoughts on “Nell’agenda del 2010

  1. Blumy ha detto:

    ehhh, tu non hai idea di che cos’è (e quant’è grande) la mia casa … 😦

  2. Liliana Zinetti ha detto:

    sì, cercala … bellissime, leggere come foglie, ma sono foglie insanguinate

  3. Amina Narimi ha detto:

    Straordinaria, con immensa e commossa emozione ti stringo con tutta la forza che posso, che ho.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...