Vengono giorni

Stephane Barbery

Vengono giorni in cui dimentico il mio nome.

Vengono notti minerali la memoria scarmigliata
affonda riemerge lavica e nera
con erbette da pascolo conchiglie e ghiande
poca luce remota – pioggerella di nostalgia.
E finisco in altre epoche. In debito di corpi.

Vengono anni nevi che mi bruciano
sangue che galoppa
e un’occhiata di luna piena dall’altra sponda.

Un contadino alto terragno – di quelli tristi –
con una moglie aureola di spine
sul capo
e l’amore tacito nel petto.

E vaticino il passato
parole mai pronunciate
e dico

Michalis Ganàs

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...